Obiettivo Ambiguo

oa

Questo libro di Ferdinando Scianna é per me un punto di riferimento.Tra l’altro dopo un mese circa dall’inizio di quest’avventura con fotoreportando, mi trovavo a Roma e decisi di acquistare questo libro, una raccolta di testi scritti dal Maestro per quotidiani e riviste. Obiettivo ambiguo raccoglie riflessioni sulla fotografia, con diversi ritratti a protagonisti che direttamente o indirettamente ne fanno o ne hanno fatto parte.

Fotografo scrittore o scrittore fotografo, considero Scianna uno dei personaggi piú importanti della cultura Italiana. In questo libro si ritrova tutta l’incontenibile forza del suo narrare, perché innanzitutto Ferdinando Scianna é un grande narratore. Ho visto diverse interviste a lui fatte, e ogni volta l’effetto é lo stesso: starei ad ascoltarlo per ore. Ed il libro é fedele all’uomo: squisitamente partigiano, convinto e fermo nelle sue idee, polemico. Scianna, oltre alle sue convinzioni, ha le sue simpatie come le sue antipatie: quando incensa qualcuno c’é da credergli, non fosse altro per come picchia chi proprio non digerisce.

Scianna é scrittore e critico acuto, e dissemina il libro di tante frasi memorabili. Il libro scorre, e sarebbe da leggere tutto d’un fiato, ma io non l’ho fatto: ho preferito studiarlo con calma. Ci ho messo quasi un anno a terminarlo. Questo perché ho voluto metabolizzarlo per bene.

Scianna scrittore é colto ma mai accademico. Eppure, senza fartelo pesare dentro ci infila Sartre, Barthes, Sander. Scianna é soprattutto divertente. Non molti scrittori contiamo che dissertano di fotografia dotati di questa qualitá. A me vengono in mente il giá citato Barthes, Susan Sontag  e poi Clement Cheroux. Scianna é anche diretto, capace di arrivare al nocciolo della questione, eppure sorprendendoti per dove é andato a parare con un certo personaggio.

Il risultato sono dei ritratti che, pur non negando una dichiarata soggettivitá, risultano essere spietatamente veri quanto una fotografia. Una delle maggiori virtú di questo libro e, probabilmente piú in generale, dello Scianna scrittore, é la preziosa abilitá a far emergere umanitá tanto nei personaggi ritratti che, soprattutto, nel suo punto di vista. Non sono ritratti, e basta. Non sono ritratti aridi, ma partecipati. Perché Scianna racconta anche se stesso, e i tanti incontri fatti in una vita dedicata alla fotografia.

Appassionato, sincero, mai banale.

Rileggeró ancora questo libro.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...