Il mio instagram

Vi voglio parlare di instagram. Sono stato assai riluttante dall’iscrivermi a questa piattaforma. Per diversi motivi, ma il piú importante: io non posseggo cellulare.

Ne ho posseduti in passato, ma da tre anni, praticamente, ne faccio a meno. Quando torno in Italia me ne faccio prestare uno. Pensate,  anche se alla maggior parte di voi sembreró un alieno, e qualcuno si stará domandando perfino se riesca a respirare pur essendo sprovvisto del fondamentale aggeggio della nostra era, la mia vita é assolutamente normale senza.  La seconda ragione: instagram é nato soprattutto come spazio di condivisione per foto fatte con cellulari, al massimo con tablets. E nelle primeve versioni della app, l’unico formato ammesso per le foto era quadrato e se volevi proporre foto rettangolari dovevi ricorrere ad un’app esterna. A me, e parlo per carità solo di me, il formato quadrato fa schifo: per quello che faccio anche il 4:3 è fin troppo quadrato, figurarsi…

Dunque, perchè alla fine ho ceduto e anche io sono su instagram? Da tempo leggevo di come esserci, soprattutto per un fotografo che sta anche nella fotografia di moda sia importante. Lo stesso mi hanno fatto notare certi brands con cui ho rapporti di collaborazione o partnership. Nonostante abbia resistito per molto tempo ancora, alla fine mi sono deciso a iscrivermi. E sapete una cosa? Mi piace instagram.

Adesso urge anche una spiegazione:io considero instagram come una qualunque altra piattaforma di social network, e quindi solo una finestra affacciata sul mondo in grado di metterti in contatto cn altri fotografi, e forse qualche potenziale cliente. Non dimenticatevi che io sono, essenzialmente, un fotografo commerciale, con nessuna remora di ammetterlo.

A differenza di facebook, ho trovato instagram andare dritta al punto: la gente, inevitabilmente vede e si concentra su foto, poi sulla qualità della proposta visuale…questo dipende da chi posta. In generale ho già acquisito diverse, interessanti connessioni con veri fotografi, che in genere fanno come me: postano si qualche cazzeggio, ma soprattutto vera fotografia. Che ci siano ragazzine che si fanno le selfie al cesso, si sa, ma anche su flickr allora è pieno di coppie scambiste, eppure viene considerata, chissà perchè, una piazza rispettabile per la fotografia…lo stesso con facebook che passa dai mici alle micie di ogni tipo.

Secondo me si attribuisce spesso troppo significato ad un social e invece che filosoffeggiarci troppo sopra, lo dovremmo (ri)pensare come ad un servizio, e che quindi tutto dipende da che uso se ne fa. C’è chi non capisce twitter, molti altri non comprendono instagram, ma ogni utente fa storia a sè, e io giudico solo in base a quello. In pochissimo tempo, proprio grazie ad instagram ho avviato delle connessioni importanti che finora non avevo potuto trovare.

Voi fate come vi pare, io per ora ci resto. Stare o non stare su una piattaforma piuttosto che un’altra non ci rende nè migliori nè peggiori. Facebook, twitter, instagram, flickr, tutti possono essere luoghi utili o meno, ma questo dipende solo da noi, come ce lo viviamo, cosa chiediamo e come, in defnitiva, ce lo costruiamo anche con la schiera di relazioni che instauriamo.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...