Riflessioni al mattino

Sto scrivendo questo articolo dalla mia stanza d’albergo, qui a Oaxaca. Sono impegnato con la mia seconda spedizione fotografica durante la Guelaguetza, dopo quella dell’anno scorso.

Stanno accadendo delle cose. Qualcosa più di una consapevolezza si è fatta largo in me, in questi ultimi mesi. E toccano da vicino il mio più intimo essere fotografico. Sarà anche il nuovo libro al quale sto lavorando. I libri, quando li scrivi, e quando sei sincero, hanno il potere di farti meditare, e l’introspezione che avviene è un viaggio dentro noi stessi, che quasi sempre conduce a cambiamenti.

Oggi posso dire che il fotogiornalismo è la sola che mi interessa. Sono interessato, e questo da sempre, ad una fotografia che documenta. Ma è soprattutto una fotografia rivolta al sociale, quella che sento stia premendo adesso con maggiore forza. Mi interessa vedere che la fotografia, a volte, può cambiare lo stato delle cose. Provare a risolvere problemi. Fosse anche soltanto per sensibilizzare la società su certi temi. Sento che è arrivato il momento per me di impegnarmi su certi progetti.

Anche qui a Oaxaca, sto prendendo contatti, e farò qualche incontro. Forse sto semplicemente guarendo da certa bulimia fotografica. O, semplicemente, prendendo atto di alcune fondamentali differenze, con più chiarezza mi rivolgo adesso a quello che, fondamentantalmente, ho sempre fatto e amato fare.

Oggi sembra un giorno come tanti altri. Ma credo non lo sia.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...